Feminist your movie – La rivincita delle bionde

Feminist your movie – La rivincita delle bionde

Spread the love
Tempo di lettura: 2 minuti

D’estate, si sa, abbiamo tutte bisogno di un po’ di leggerezza: nel vestire, nel mangiare, nel pensare e sì, anche nei film che scegliamo di guardare! È per questo che per il feminist movie di questo metà agosto così caliente ti propongo una commedia divertente, fresca e lieve ma per niente stupida! 

Titolo originale: Legally Blonde Regia: Robert Luketic Cast: Reese Witherspoon, Luke Wilson,Raquel Welch Anno: 2001 Nazionalità: USA Durata: 96 min. Distribuzione: 20th Century Fox

Elle Wood è attraente, ricca e fidanzatissima con il belloccio della scuola. Ma, soprattutto, è bionda! Quando, dopo il diploma, il suo ragazzo le fa capire senza mezzi termini che il suo futuro non la prevede accanto a lui [“Elle, tesoro, diciamocelo… non sei abbastanza intelligente!”] allora sì, che ne vedremo delle belle!

Elle si iscrive alla facoltà di Legge di Harvard per riconquistare il suo Warner, e lo fa con un piglio ed un’energia tutti al femminile. Indossa tailleur super chic che strizzano l’occhio a Jacqueline Kennedy, si presenta a lezione con un iMac rosa fluo e non si separa mai dal suo adorato chihuahua Tyson, sempre in pendant con i suoi look impeccabili.

Perché è un film femminista: perché rivendica a testa alta e senza sensi di colpa il pink pride, la passione per la moda e l’amore per tutto ciò che è “da femmina”. Elle Wood reagisce e si fa strada, nonostante i pregiudizi, grazie a quelle particolari doti, tutte muliebri (l’empatia, l’altruismo, la tolleranza, la gentilezza, la creatività) che classificano ingiustamente il nostro essere donne come il “sesso debole”, quando invece siamo resilienti.

Approfondimento: Anche la pop star Ariana Grande ha amato questo film, tanto che nel suo video di Thank U, Next, ci sono anche scene che vengono da questa pellicola storica con Reese Whiterspoon (insieme a citazioni di altri iconici teen-movie degli anni 00, come “Mean Girls” e “30 anni in un secondo”). Ecco il link al video ufficiale: https://youtu.be/gl1aHhXnN1k

Sei riuscita a riconoscere tutte le citazioni? 

La curiosità: Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Amanda Brown, avvocatessa americana che ha vissuto in prima persona la storia raccontata anche nel film.

La scena da vedere e rivedere: il controinterrogatorio finale durante il processo contro Brooke Windham. Chi ha detto che una permanente non ti può salvare la vita?!

Link al trailer: https://www.mymovies.it/film/2001/larivincitadellebionde/trailer/

di Valentina Torrini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Facebook
Instagram